BAROLO RISERVA “MONFORTINO” 2008 – GIACOMO CONTERNO

Posted on

 

Il Barolo Riserva “Monfortino” prende vita dal mitico vigneto Francia, il cru più meridionale di Serralunga d’Alba, assieme ad Arione. Il vigneto si estende per 14 ettari: la caratteristica unica e inconfondibile di questo cru è la matrice calcarea, che dona ai vini un alto grado di salinitià.

Per il nebbiolo, vengono utilizzati 10 diversi cloni, tra cui il più diffuso è la varietà “lampia”. Su ogni tralcio viene poi lasciato un unico grappolo d’uva.

Roberto Conterno, attuale enologo e proprietario, individua durante la vendemmia le migliori parcelle di quell’annata, e da esse prenderà forma – se ci saranno le giuste condizioni – il Monfortino.

In cantina, ciascuna parcella viene vinificata separatamente, con una lunga macerazione di ben 5 settimane. La fermentazione viene svolta in tini troncoconici di legno austriaco, prodotti dalla Stockinger: un legno di altissima qualità, senza alcuna tostatura, al fine di lasciare intatte le qualità del mosto.

E’ qui, in cantina, che Roberto Conterno valuta se le botti possono essere idonee a diventare Monfortino: viceversa, concorreranno a produrre Barolo Francia.

Il vino inizia poi il lungo periodo di affinamento, effettuato sempre in botti di legno di varia dimensione ed età, di regola per 7 anni, con alcune eccezioni a seconda dell’annata. Per questa annata, la 2008, infatti il Monfortino ha riposato per sei anni.

Il vino più buono al mondo, il numero 1, per molti appassionati e conoscitori.

Indiscutibilmente il capolavoro dei Conterno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.